Ultima Circolare

Roseto degli Abruzzi, 3 gennaio 2016

Ai Signori Soci

Circolare n. 3/2015/16

Comunicazione

Abbiamo una nuova versione del Sito www.aiigabruzzo.it che contiene anche un blog e una pagina Facebook a noi dedicata.

In tal modo il sito è più facilmente consultabile e interattivo. Tutti possono fare commenti, inserire foto, esprimere impressioni o fare proposte. Ogni socio per accedere al blog deve iscriversi inserendo la propria email. Il vecchio sito resta consultabile come memoria dell'Associazione.

 

Indicazioni per iscrizione insegnanti in servizio

E' possibile detrarre il costo dell'iscrizione AIIG dai fondi assegnati agli insegnanti secondo i provvedimenti della "Buona Scuola" presentando la ricevuta con la dicitura Abbonamento alla rivista scientifica "Ambiente Società Territorio" per l'annata 2015/16. Si può prevedere anche una fidelizzazione biennale.

 

Oggetto: attività della Sezione Abruzzo per i mesi di gennaio e febbraio 2016.

 

  1. Domenica 10 gennaio 2016

Tra sacro e profano

Chiesa di San Tommaso a Caramanico Terme (PE) e Rito di Sant'Antonio

a cura di Marisa Di Gregorio e Giovanna Tacconelli.

 

San Tommaso, chiesa romanica del XIII secolo chiamata anche San Tommaso Becket, sorge su una antica pieve ed era circondata da altri edifici monastici. La pianta, a tre navate, presenta tre livelli altimetrici e una piccola cripta con un pozzo centrale di acqua sorgiva. La facciata, a salienti, è scandita da tre portoni e quattro semicolonne, residuo di un portico mai realizzato, con un rosone centrale e due piccole monofore. I portali laterali presentano stipiti e architrave con decorazioni floreali come le monofore sovrastanti, mentre l'architrave del portale centrale è arricchito da un altorilievo dei dodici apostoli con Cristo intronato centrale; l'anno 1118 è indicato in basso. All'interno le navate sono divise da colonne composite, a destra, e quadrate, sulla sinistra; è presente inoltre una esile colonna monolitica in pietra con capitello corinzio, detta colonna santa, oggetto di venerazione da parte dei fedeli, che le attribuivano proprietà taumaturgiche.

Dopo la funzione religiosa e la processione ci sarà un breve canto sul Sant’Antonio a cura del gruppo di Scagnano.

Rappresentazione della vita di Sant'Antonio abate eremita: la sua scelta di vita nel deserto, la tentazione da parte dei diavoli, rossi e neri, e della donzella, interpretata da un uomo come nel teatro elisabettiano, particolare elemento buffo. Infine l'arrivo risolutore dell'angelo, dal caratteristico cappello conico, tipico delle figure con contatti soprannaturali come fate e streghe. Nel finale, attraverso la spada, elemento simbolico mutuato dalla devozione all'Arcangelo Michele, l'angelo aiuta il Santo a sconfiggere il male e tornare alla sua vita di preghiera.

Il gruppo di Scagnano ha vinto la competizione del campanello d'argento, riconoscimento alla migliore rievocazione abruzzese ricostruita su un testo medioevale originario.

Nel primo pomeriggio visita alla Croce del Crociato di Musellaro e al Castello di Salle.

Partenza da Pescara (terminal bus) alle ore 9.00 e rientro intorno alle 19.00.

Pranzo facoltativo presso la Taverna Ducale di Caramanico euro 20.

Quota di partecipazione euro 15.

L'escursione non si effettuerà in caso di neve.

 

 

  1. Domenica 7 febbraio 2016

Escursione nelle Marche alla scoperta di mondi suggestivi e misteriosi

Ancona storica e Camerano sotterranea

 

Ancona: Duomo, Museo archeologico, palazzi e chiese con sosta a Santa Maria della Piazza definita "Messaggio del passato". Proseguiremo poi verso Piazza Kennedy con il Teatro delle Muse passando per la Loggia dei Mercanti fino a Piazza Plebiscito.

Con il bus giungeremo alla Mole Vanvitelliana e a Piazza Cavour per terminare al Passetto o Monumento ai Caduti della prima guerra mondiale.

 

Camerano, "città al negativo e al positivo": un percorso tra brivido e poesia.

Sotto il borgo, abitato da tempi antichissimi, si estende un dedalo di grotte; percorrendo le sue vie si cammina sopra stanze sotterrane, ipogei, templi, gallerie ramificate su più livelli.

Abbandonato per secoli, questo mondo nascosto è rinato durante la seconda guerra mondiale quando gli abitanti vi si rifugiarono per tornare a vivere la loro quotidianità.

 

Partenza da Pescara (terminal bus) alle ore 7.00 e rientro intorno alle 21.00. Pranzo al sacco.

Quota di partecipazione, compresa la guida per la città di Ancona, euro 30.

Ingresso alle grotte euro 6. Ingresso al Museo gratuito (prima domenica del mese).

 

 

  1. Domenica 28 febbraio 2016

Due luoghi dello spirito

Subiaco, la città dei monasteri, e la Certosa di Trisulti

Subiaco, comune della città metropolitana di Roma, pittoresco borgo medievale costruito a scalinata su una rupe rocciosa che domina la valle alla destra del fiume Aniene, è centro di interesse religioso e artistico. All'uscita del fiume dalla selvaggia gola calcarea si trovano i monasteri benedettini di Santa Scolastica e il Monastero di San Benedetto, definito dal Petrarca limen paradisi, tanto è bello.

 

Monastero di Santa Scolastica
Il monastero, l’unico superstite dei 13 fondati in questa zona da San Benedetto, risalente al 520, è anche il più antico monastero benedettino del mondo: spiccano alcuni elementi di interesse come il campanile in stile romanico ed i tre chiostri in stile rinascimentale, gotico e cosmatesco.
Nel complesso è stato allestito anche un interessante museo.

 

Monastero di San Benedetto
San Benedetto scelse veramente un luogo stupendo per ritirarsi in preghiera. Il monastero sorge a 640 m di altitudine ed è conosciuto anche col nome di “Sacro Speco”.

Incastonato nella roccia a strapiombo sulla valle sottostante, appare al visitatore che percorre il Bosco Sacro come "un nido di rondini". Pareti, volte e scale, perfettamente integrate nella pietra cui si appoggiano, con la loro irregolarità, garantiscono un’autentica suggestione.

Composto da due Chiese sovrapposte e da Cappelle e grotte, interamente affrescate in epoche diverse, costituisce un monumento unico, per bellezza e spiritualità. La Grotta di San Benedetto, chiamata anche “Grotta della Preghiera”, nella quale il Santo si ritirò per alcuni anni, è il punto di riferimento di tutto il sacro complesso.

 

L'Abbazia di Trisulti, un gioiello in Ciociaria

Immersa nel verde di foreste secolari si adagia, celebre e maestosa, la Certosa, fondata nel 1204 per volontà di Papa Innocenzo III e affidata, nel 1208, ai monaci Certosini, da cui deriva il nome. Nel 1947 essi furono sostituiti dagli attuali monaci Cistercensi della Congregazione di Casamari.

E' possibile visitare la Chiesa con pregevoli opere d'arte e l'antica farmacia, o meglio spezieria, del XVIII secolo, costituita da vari ambienti, decorata con realistici trompe-l'œil di ispirazione pompeiana e arredi settecenteschi. Nella farmacia sono visibili i vasi in cui erano conservate le erbe medicamentose e i veleni estratti dai serpenti.

La Certosa è Monumento Nazionale e custodisce una ricca Biblioteca Statale.

Interessante il giardino antistante la farmacia, in cui le siepi di bosso ripropongono forme animali: un tempo era l'orto botanico.

 

Partenza da Pescara (terminal bus) alle ore 7 e rientro intorno alle 21.00.

Pranzo al sacco. Quota di partecipazione euro 30.

 

Auguri di Buon Anno!

Agnese Petrelli

 

Prenotazioni e informazioni: Agnese Petrelli, via America 58 – 64026 Roseto degli Abruzzi (TE), tel. 085/7932938, cell. 338/2169585; Giovanna Tacconelli, cell. 347/3305790 – Andreina Salvatore, 3343810172.

 

Sito: www.aiigabruzzo.it – e-mail: agnese.petrelli@yahoo.

Iscrizione anno sociale 2015/16. Soci Effettivi € 30; Juniores e Familiari € 15.

Versare la quota sul c/c postale n. 50447697, intestato a: A.I.I.G.– Sezione Abruzzo, viale America 58, 64026 – Roseto degli Abruzzi o con bonifico (IBAN IT96R0760115400000050447697).